Microcube (sensori a laser)

IMOS - avanti nel modo in termini di sviluppo

Micronizzare triedri Fullcube in array sembrava un’impresa impossibile. I riflettori Microcube di IMOS hanno invece lanciato una nuova generazione di sensori ottici. In presenza di luce laser viene retroriflessa l’esatta struttura dei raggi luminosi.

 

I riflettori Microcube sono in parte composti da migliaia di piccolissimi microspecchi di forma quadrata. Essi riflettono circa il 99% della luce. Al contrario, con le microstrutture tradizionali formate da specchi triedrici (triedri piramidali) è possibile solo una riflessione di ca. il 66-72%.

Perché i microriflettori?

Spostamento dei raggi nel triedro

I microriflettori sono dotati di piccolissimi microspecchi che riducono lo spostamento del raggio luminoso. In tal modo, si migliora la definizione della posizione del raggio luminoso. I microriflettori sono progettati per la scansione laser.

 

Il raggio laser deve toccare almeno cinque triedri per ottenere un segnale costante anche in presenza di vibrazioni.

 

I riflettori sono costituiti da array triedrici. Un triedro è un insieme di tre specchi che consente la retroriflessione. La dimensione dei singoli specchi determina lo spostamento del raggio che interessa la luce incidente.

 

Nota: la gamma di riflettori a microcubi della ditta IMOS è stata la prima serie di riflettori “fullcube” miniaturizzati proposta sui mercati mondiali. Con questi riflettori siamo entrati in una nuova era della sensoristica laser.

Argomenti correlati: